Il corpo che voglio

“Il corpo che voglio è un corpo che esprima e valorizzi chi sono, non il corpo che mi hanno detto di avere”.

Il web e le riviste sono ormai pieni di contenuti dove si decide quale sia la forma fisica migliore da promuovere tra uomini e (soprattutto) donne.

Girano dichiarazioni di modelle formose che rivendicano l’affermazione di nuovi standard estetici, standard che rispecchino le vere donne. In tutta risposta, si alza l’esercito delle modelle magrissime che sostengono di essere un esempio di vita sana e attiva. Ora, premesso che ci sono dei parametri medici molto precisi  per definire se si è sovrappeso, sottopeso o normopeso (uno dei più diffusi è il BMI – body mass index), tutto il resto rientra nell’ampia categoria delle chiacchere da bar.

Chi può dirti che corpo avere?

Nessun. Non esiste un corpo giusto o un corpo sbagliato. Soprattutto questo non ha niente a che vedere con le tendenze del momento. Ci sono solo corpi che rispecchiano chi siamo e corpi che tengono le persone imprigionate in personaggi lontani dalla loro identità.


Mi sento una farfalla imprigionata in un corpo da elefante” mi disse una volta una signora che ho aiutato a dimagrire.


Alcune persone sono frustrate e soffrono per i loro kg di troppo: si tratta di chi sa che quel peso non arriva da un sano amore per la tavola, ma dall’abitudine a gestire qualsiasi tipo di emozione attraverso il cibo. 

Non dobbiamo definire nuovi canoni di bellezza ma nuovi canoni di libertà. Se una persona è sovrappeso perché non riesce a controllare il proprio modo di mangiare, finirà con il rendere abituali comportamenti disfunzionali e la sua felicità ne verrà minata. In questi casi, è importante ridare a quella persona la libertà di scegliere chi essere e come farlo.

A chi mi chiede quanti kg si perdono con il sistema che presento durante i corsi, rispondo: “Tutti i kg che hai preso mangiando cibo di cui il tuo corpo non aveva bisogno”. Di solito sono diversi chili.

Tra l’altro, nel momento straordinario in cui si riesce a raggiungere una forma fisica in cui il nostro corpo magro rispecchia la nostra mente libera ognuno è disposto ad accettare meglio qualsiasi piccolo difetto sapendo che è parte integrante della propria persona.


Cosa puoi chiederti

Senti di poter controllare il cibo o è il cibo a controllare te?

Hai un corpo che ti rispecchia o hai un corpo che ti nasconde?

Quando ti siedi a tavola pensi a cosa non devi mangiare o a com’è bello e rilassante viverti quel momento?


La differenza è tra chi viene controllato dal cibo e limitato dal proprio corpo e chi gestisce serenamente il cibo e collabora ogni giorno con il proprio corpo per avere forza energia e buon umore. In fondo i canoni estetici possono seguire le tendenze, ma la libertà di scegliere non passa mai di moda

Scopri gli eventi in programma

27
Ott.
Cibo ed emozioni: liberarsi dalla fame emotiva e ritrovare la libertà
  • 2:00 pm - 6:00 pm
  • Via Via Bologna 25, 59100 - Prato
13
Nov.
Inizia a muoverti: come per appassionarti allo sport per sempre
  • 2:00 pm - 6:00 pm
  • Via Bologna 25, 59100 - Prato
2
Dic.
Liberi di essere magri: come tornare in forma per sempre
  • 10:00 am - 6:00 pm
  • Via Via Bologna 25, 59100 - Prato

Lascia un commento